Sostenibilità dell’azienda agricola, le soluzioni 4.0 di A2A Smart City

Categorie: Agritech
31 Marzo 2021

La sostenibilità dell’azienda agricola è al centro del dibattito da qualche tempo perché, a livello globale, l’agricoltura è stata posta davanti a un bivio importante: da un lato è chiesto di aumentare le rese, perché la sfida di vincere la fame nel mondo non è più rimandabile. Dall’altro si pretende un forte impegno nei confronti dell’ambiente, il che è ampiamente dimostrato dalla direzione che hanno assunto le direttive e le politiche europee, una per tutti l’ormai noto Green Deal.

È chiaro che, senza le giuste strategie e tecnologie, le due cose sono in antitesi: produrre di più impattando di meno sull’ambiente, dunque utilizzando meno acqua, meno chimica, meno macchine, è di per sé quasi irrealizzabile. In questo scenario, la digitalizzazione riveste un ruolo determinante per la sostenibilità dell’azienda agricola. Vediamo nel dettaglio le soluzioni 4.0 proposte da A2A Smart City.

Le soluzioni innovative per la sostenibilità dell’azienda agricola

Per raggiungere l’obiettivo della sostenibilità della azienda agricola, A2A Smart City propone Agritech, un aiuto ad alto tasso tecnologico che, supportando l’intero ciclo colturale, permette di risparmiare in media il 20% di sostanze fertilizzanti, il 30% di acqua e il 40% dei trattamenti fitosanitari, rispetto a quanto si impiegherebbe, per la stessa coltura, se questa fosse allevata senza l’aiuto della tecnologia.

Agrifood è invece la soluzione completa per il monitoraggio ambientale basata su modelli fitopatologici, sull’umidità del suolo e sulle condizioni delle piante: in pratica consente di monitorare tutte le condizioni climatiche e pedo-climatiche rilevanti, al fine di supportare la gestione del lavoro in campo. Combinare i dati monitorati con quelli dalle condizioni meteo, infatti, rappresenta un potente strumento, che consente di spendere meno tempo e meno risorse, a tutto vantaggio della sostenibilità dell’azienda agricola.

Su che cosa si basa Agrifood

Nel merito, la soluzione Agrifood si basa su un pluviometro, ossia su un piccolo magnete che si muove accanto a un interruttore metallico che apre e chiude un circuito. Un doppio cucchiaio, oscillando da destra a sinistra, rileva tutte le goccia d’acqua, il che permette di fare una stima precisa della quantità di pioggia.

Attraverso una carta da filtro che viene trattenuta tra due elettrodi in un supporto trasparente, Agrifood misura anche la conducibilità e dunque la bagnatura fogliare; l’uso di una specifica plastica trasparente, Lucite, riduce inoltre il riscaldamento del sensore quando viene esposto alla luce solare diretta, il che permette stime più precise.

Inoltre Agrifood misura la temperatura dell’aria, l’umidità relativa e quindi calcola il punto di rugiada con notevole accuratezza e ripetibilità. Infine, tramite appositi sensori nel suolo, la soluzione misura l’acqua presente nel terreno e il potenziale idrico da impiegare. È dunque utile per la misurazione del carico di suzione e per misurare la profondità a cui il terreno è saturo, il che consente di programmare l’irrigazione quanto serve con la quantità di acqua necessaria, con evidenti ricadute positive in termini di risparmio della risorsa acqua.

Zootech, sostenibilità anche in stalla

Per il benessere della stalla e per la sostenibilità delle produzioni zootecniche, la soluzione si chiama invece Zootech, ed è il sistema che permette di monitorare i dati ambientali del ricovero degli animali, quali temperatura, umidità e rumore, tutti essenziali per garantire il benessere dei capi e, dunque, più in generale la sostenibilità dell’azienda agricola. Particolari sensori possono essere posti sui capi, al fine di rilevarne gli spostamenti e monitorarne lo stato di salute. Infine, la piattaforma che completa la soluzione proposta da A2A Smart City permette di raccogliere, salvare e gestire i dati rilevati da qualsiasi device.

CTA-newsletter-A2A-smartcity